Davide Mantovani

Portfolio

Tag: Luigi Verrini

Manifesto Bigio CentenarioCome primo articolo della nuova pagina Organizzazione Eventi di questo protfolio ho deciso di raccontare come nacque l’idea di organizzare e coordinare nel 2012 una mostra sul pittore isolano Luigi Verrini detto Bigio in occasione dei cent’anni dalla sua nascita. Fu l’occasione per conoscere meglio questa importante figura artistica del panorama isolano e  per mettermi in gioco per la prima volta nell’organizzazione  di un evento culturale di questo tipo.

Bigio 1912 – 2012

– BIGIO 1912-2012 – UNA MOSTRA ESPOSITIVA A CENT’ANNI DALLA NASCITA

Estate del 2012, in paese si è in fermento per l’imminente Fiera del Riso (e chi fa parte di una delle tante associazioni che si adoperano alla sua organizzazione sa di cosa sto parlando). Discuto d’arte con Maria Rosa Nicoletti (gallerista del paese) che mi ricorda che in quell’anno sarebbe ricorso l’anniversario della nascita di una storica figura della pittura isolana. Luigi Verrini, in arte Bigio.Manifesto Bigio Centenario Un peccato per il paese perdere questo momento per rendergli tributo con una mostra.

Medito sulla cosa, potrebbe essere troppo tardi per inserire l’evento nel contesto fieristico, eppure mi rendo conto che è doveroso da isolano ricordare in qualche modo una figura così conosciuta in paese ma forse troppo bistrattata per il suo carattere ironico e beffardo. Penso all’organizzazione, trovare i quadri, il prestito, l’assicurazione, la pubblicità, il luogo adatto, i supporti, l’apertura… Bastava individuare le forze e combinarle assieme nel minor tempo possibile.

Per ospitare questa retrospettiva, escludemmo a priori la sala civica e l’oratorio, troppo “lontani” dalla gente e della Fiera e individuammo il luogo adatto in un ambiente che il Bigio avrebbe sicuramente apprezzato: la Baita degli Alpini.  Un luogo senza tante pretese, vicino alle persone, spensierato, libero da falsi costumi, com’era lui. Mi adoperai come coordinatore dell’iniziativa e formai una piccola equipe: Maria Rosa si sarebbe occupata di trovare le opere contattando i proprietari dei quadri di cui ricordava l’esistenza; Devis Gobbi (poliedrico 😉 ) dell’impaginazione degli inviti e delle locandine, Nilo Bazzani (artista) della consulenza artistica e Claudio Mori (corniciaio) da “gancio” col gruppo alpini. Parallelamente, il comune con l’assessore alla cultura Stefano Canazza sostenne l’iniziativa col patrocinio e l’Ente Fiera finanziò e pubblicizzò tramite i suoi canali l’apertura della mostra.

 

Era fatta! Come organizzatori decidemmo di restare liberi da una designazione associativa,  la mostra doveva figurare come  un libero omaggio dei cittadini di Isola della Scala al pittore. Grazie al gruppo Alpini riuscimmo a tener aperto per tre settimane l’esposizione durante il periodo fieristico e ad assicurare la fruizione da parte del pubblico. L’evento venne pubblicizzato sul quotidiano veronese “L’Arena” ed uscì con uno speciale sull’emittente “Telearena”. Fu una grande soddisfazione per tutti noi rispolverare la memoria di questa figura, promuovere la curiosità e la riscoperta di un personaggio quasi leggendario, collaborare con i volenterosi Alpini, ricevere i ringraziamenti dell’amministrazione e soprattutto vedere una grande affluenza interessata e curiosa da parte della cittadinanza.

© 2020 Davide Mantovani

Theme by Anders NorenUp ↑